Il Santo di oggi


Perle di Liturgia 4 - Atto Penitenziale PDF Stampa
Scritto da Mainou   
Domenica 09 Novembre 2008 22:55

Nelle domeniche precedenti abbiamo parlato del significato del termine liturgia, di quando ha inizio la Messa, del segno della croce e del saluto iniziale. (Se qualcuno fra voi è interessato a conoscere gli argomenti già trattati, può richiederli a me o ad un qualsiasi componente del coro.) Oggi parleremo dell'atto penitenziale, che non sostituisce il sacramento della confessione.

Il significato di questo momento rituale è quello di ricordarci che la nostra partecipazione alla Messa non è un diritto che ci spetta ma è un dono di grazia di Dio, che ci invita all'incontro con Lui. Per prepararci a ricevere il suo infinito amore di Padre, che sempre precede ogni nostro pensiero o azione, viene spontaneo presentarci a Lui con il cuore contrito, riconoscendoci sue creature fragili ed imperfette, sempre bisognose di perdono.
La struttura dell'atto penitenziale prevede:
a) l'invito al pentimento da parte del sacerdote all'assemblea;
b) una breve pausa di silenzio, dedicata alla riflessione personale ed al raccoglimento;
c) il pentimento espresso dalla confessione generale; con questa formula esprimiamo, con molta sobrietà, la duplice direzione della confessione: a Dio misericordioso, che perdona e salva, e alla chiesa. Il gesto esteriore di battersi il petto evidenzia che ciò che si compie non riguarda solamente il singolo e Dio, ma rappresenta una dichiarazione pubblica e comunitaria del proprio riconoscersi peccatori. Una delle particolarità di questa confessione riguarda le "omissioni": per essere cristiani non basta non fare il male, bisogna fare il bene; perciò, non chiediamo perdono solo per il male compiuto, ma anche per il bene che non abbiamo fatto.
d) Seguono la preghiera di intercessione a Maria Santissima, agli Angeli, ai Santi e ai presenti e 1' assoluzione del sacerdote.
Sant' Agostino diceva che ogni volta che noi commettiamo un peccato, spezziamo il filo d'oro che ci lega a Dio ma, ogni volta che riconosciamo i peccati commessi, riannodiamo il filo spezzato, avvicinandoci ancora di più a Lui.

Commenti
Cerca
Solo gli utenti registrati possono inviare commenti!

3.26 Copyright (C) 2008 Compojoom.com / Copyright (C) 2007 Alain Georgette / Copyright (C) 2006 Frantisek Hliva. All rights reserved."

Ultimo aggiornamento Venerdì 13 Marzo 2009 08:58
 

Consultorio familiare

Banner

Pensiero del giorno